9 gennaio 2008

IL PASSATOR CORTESE


"Portavoce degli scontenti, riuscì per anni a tenere in scacco
i governanti pontifici nei territori delle Legazioni La vera storia deI "Passator Cortese"

Un capo militare romano si impossessò del suo corpo
per riscuotere la taglia.

Sulla vita e sulle imprese di Stefano Pelloni, meglio conosciuto come "il Passator cortese", molto è stato scritto e molto si è favoleggiato.
Ancor oggi la sua popolarità è molto alta in Romagna e non solamente perché è stato scelto come difensore della genuinità dei vini romagnoli.
Del Passatore si è narrato tutto ed il contrario di tutto.
C'è stato chi l'ha definito perverso e bestiale, ed altri che ne hanno cantato le gesta elevandolo al rango di un mito.

La sua cortesia fu cantata anche da Giovanni Pascoli.
Di certo non è errato dire che per più di due anni, dal 1849 al 1851, dominò i paesi delle Legazioni, cioè le province di Bologna, Forlì, Ravenna e Ferrara, sconfinando all'occasione anche nel Granducato di Toscana, tenendo in scacco sia il governo austriaco che quello pontificio.
In età scolare Stefano Pelloni frequentò una scuola privata che sarebbe dovuto essere il primo gradino per farne un prete.

Dopo essere stato bocciato un numero imprecisabile di volte ne uscì solo con l'equivalente della terza elementare, ma nei fatti probabilmente analfabeta.
La sua scuola fu quindi il traghetto del fiume Lamone tra il comune di Bagnacavallo e quello di Russi, al seguito del padre che di lavoro faceva appunto il traghettatore o meglio, il passatore.

Nel suo lavoro conobbe, specialmente di notte, contrabbandieri, banditi e ladri.
Stefano imparò a riconoscere la vita infima alla quale larghissimi strati della popolazione erano obbligati per colpa dell'ignoranza e dell'ozio dei loro padroni e aveva perciò sentito ribollire l'odio verso i ricchi.
Non è difficile capire quindi come poté diventare ben presto il capo indiscusso di coloro che decisero di darsi alla macchia.
Il brigante agì sempre favorito dallo stato di sfacelo in cui si trovava soprattutto la Romagna per via della dominazione pontificia.
La gente era povera, viveva precariamente ed era obbligata a lavorare in cambio di poco per padroni incapaci di far fruttare la terra.
I governanti erano spesso corrotti e a rendere incerto il futuro ci si misero anche le rivoluzioni del '31, '43, '45, '48, '49.

Un'azione che rimase nella storia fu l'assalto, con un drappello dei suoi masnadieri, del teatro di Forlimpopoli, dove si stava tenendo una rappresentazione. Il Passatore sequestrò praticamente tutti i notabili della zona in quell'occasione lì riuniti, facendosi pagare una elevatissima taglia.
Poi saccheggiò la città. Per tre ore e tre quarti non era esistita tra Forlì e Cesena altra autorità che quella del Passatore.Nel 1851 quarantadue dei suoi uomini erano già in mano alla giustizia, ne restavano solo diciotto in libertà.
Uno tra questi, tal Lodovico Rambelli, venne probabilmente "comprato" dal governo con la promessa, ad operazione finita, della possibilità di fuggire senza essere inseguito.Il Passatore venne così scoperto presso un capanno e venne ucciso in uno scontro a fuoco da Apollinare Fantini. Sul corpo infierì poi il capo del gruppo di soldati, tal Calandri, un romano inviato dal governo, al quale probabilmente faceva gola la taglia di 3 mila scudi romani pendente sulla cattura del Passatore.

10 commenti:

marina ha detto...

hei raggio di sole, sai che tutte queste cose non le avevo mai lette sul passator cortese? Grazie
marina

Ondamagis ha detto...

Ciao Gise, grazie per i complimenti da fare ad una degna regina, come la grande e venerata Elisabetta. Sai che sul Passatore ricordo che, anni fa, la Rai fece uno sceneggiato molto bello? Ero bamina, ma certi argomenti "pesantucci" già mi interessavano. Bacione e grazie ancora di tutto!

ginoilsalumiere ha detto...

Sono passato a vedere il tuo blog... davvero carino!

mario ha detto...

lo sai che non le sapevo....
grazie.......ma quanto è bello sto blog...
meno male che ti ho linkata bacio!!!

sauvage27 ha detto...

Ciao...se non erro c'è anche una canzone romagnola sul Passator Cortese... , ...mandi mandi ...Loris...

lucestelle ha detto...

Ciao grazie delle ottime informazioni...tt bene?Un caro saluto

Laura ha detto...

Ne avevo sentito parlare altre vole ma in realtà non se sapevo nulla, molto interessante. Ciao e buona giornata.

sabrina ha detto...

che ignorante che sono...non lo sapevo!

Laura ha detto...

Quante cosine interessanti scrivi...tornerò certamente a trovarti!

Laura

Anonimo ha detto...

interessante, era una sorta di Robin Hood nostrano. Ripasserò dal tuo blog. chery

INFORMAZIONI PERSONALI

Questo blog non può essere considerato una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Inoltre è vietato l'utilizzo di testi, o anche parti di testo, presenti su questo blog. Se li trovate su siti di opinione online, è solo perchè sono io stesso l'autore e posso decidere di pubblicarli su altri siti.

BLOG SEGNALATO DA

blogarama - the blog directory

SEI UNICO !

Biagio Antonacci
Il sito italiano più completo e visitato dedicato a Biagio Antonacci. Biagio Antonacci Mania pubblica notizie aggiornate, foto, guestbook, giochi e tanto altro ancora.

LA MIA COPPA

PACE

Per la pace nel mondo