2 gennaio 2008

UNA DOMENICA PARTICOLARE TRA SAPORI E TRADIZIONI

Oggi è una splendida domenica di sole, non fa nemmeno freddo, e nelle vicinanze ci sono diverse sagre autunnali , cosi' io e mio marito decidiamo di fare un bel giro , invogliati anche dal bel tempo.
Decidiamo di andare alla sagra " del FORMAGGIO DI FOSSA "che si svolge ogni anno a Sogliano al Rubicone nelle ultime due domeniche di Novembre e nella prima domenica di Dicembre.


******************* SOGLIANO AL RUBICONE *********************


E' un piccolo centro che si trova sulle colline dell'Appennino Romagnolo al confine con le Marche.
Dai suoi 380 m. di altitudine, si vedono i dolci colli vicini, la Repubblica di San Marino ed un tratto del mare Adriatico. A livello storico, mi piace ricordare , che nel territorio nasce il fiume Rubicone, diventato famoso per l'episodio che lo vide protagonista con Giulio Cesare, e il periodo di dominazione dei Malatesta. Tra le tradizioni merita di essere nominata la produzione artigianale delle famose " Teglie "in terracotta di Montetiffi .


******************* IL FORMAGGIO DI FOSSA *********************


Il formaggio di fossa è un tipico prodotto locale, ottenuto dalla fermentazione nella fossa di stagionatura, del classico formaggio prodotto nella zona compresa fra la vallata del Rubicone e del Marecchia.
La fossa nasce dall'esigenza di conservare a lunga durata i formaggi prodotti con l'abbondante latte primaverile , ed è un ambiente sotterraneo, scavato nel tufo, a forma di fiasco, della misura di circa 6/7 metri di profondità e 2 di diametro di origine mediovale.
L'usanza di " seppellire" il formaggio viene tramandata nei secoli dalle tradizioni contadine del luogo. L'origine di questa pratica è ignota, si pensa, forse, per nascondere il formaggio durante le incursioni nemiche nei tempi in cui Sogliano si trovava sotto il dominio dei MALATESTA.


La fossa viene aperta ogni anno, i primi di Agosto; da questo giorno i contadini, commercianti o semplici privati, hanno tempo fino al 15 Agosto per portare il proprio formaggio ( pecorino, vaccino, o misto ) a maturare nella fossa.
I proprietari di questa, rilasciano una ricevuta dell'avvenuto deposito che dovrà poi essere esibita al momento del ritiro.
Il formaggio viene chiuso in sacchetti di tela bianca dove i proprietari della fossa pongono il numero di riconoscimento di ogni partecipante.
La preparazione della fossa, viene qualche giorno prima dell'infossatura, quando persone esperte
cominciano a bruciare la paglia all'interno della fossa, con l'intento di togliere l'umidità accumulata e per sterilizzare
contro i germi che potrebbero nuocere alla fermentazione.

Fatto questo, si rivestono le pareti per isolare il tufo con uno strato di circa 15 cm.di paglia, sostenuta con delle canne e nel fondo vengono sistemate delle tavole di legno.
La fossa è pronta per ricevere il formaggio; verrà chiusa per essere riaperta 3 mesi dopo : in Novembre per S. Caterina ( 25 Novembre ).

Il normale formaggio depositato in Agosto è diventato il FORMAGGIO DI FOSSA, dal sapore e fragranza inconfondibile , ma dall'odore un po' acro e pungente.
Il formaggio di fossa si presenta in forme irregolari, senza crosta, dalla pasta dura o semidura a seconda del formaggio di partenza, di colore paglierino, con il sapore più o meno piccante , con un retrogusto amarognolo, dal profumo pungente che lo caratterizza e rende ogni piatto unico.
Si usa a scaglie sulla pasta o sulla carne cruda per il carpaccio; come ingrediente nei ripieni per arricchirne il sapore e si offre bene anche per la fonduta. Molti bongustai abbinano il formaggio di fossa ad un buon miele, con marmellate varie ( una su tutte quella di fichi), alla mostarda e al savor che è una confettura prodotta con uva Sangiovese, pere dolci, mele verdi,
mele rosse, mele e pere cotogne, gherigli di mandorle e zucchero.

In queste domeniche, Sogliano si riempie di tantissima gente, che viene per acquistare questo prodotto veramente unico e per visitare le numerose fosse, che per l'occasione sono disponibili per essere visitate , nonchè per assaggiare i vari formaggi messi a disposizione dalle aziende .
Da molti anni questa fiera è diventata un appuntamento sempre più importante nell'ambito delle fiere romagnole; l'affluenza di pubblico è talmente cresciuta che si è reso necessario il prolungamento della fiera.

Il prezzo del formaggio di fossa varia dai 20 ai 30 euro al kg. a secondo del tipo ( vaccino , pecora o capra ), o se si è utilizzato formaggio proveniente da allevamento biologico.


Inutile dire che passeggiando per il paese, visitando le fosse anche io non ho resistito all'acquisto di un pezzo di quel formaggio dal sapore particolare e naturalmente non senza un vasetto di savor.

19 commenti:

vecchiatalpa ha detto...

molto interessante. buon 2008!

Ondamagis ha detto...

Gise, mi sa però che questi orologi di blogger non funzionino poi tanto. Forse sono sintonizzati col fuso orario americano.
Il formaggio della tua opinione: sicuramente buonissimo, ma certo che di cose buone con nomi strani ce ne stai proponendo tante: il formaggio di Fossa, la piadina dei morti...che più? Ah c'è il paiolo, no non farmi un paiolo così, se mi sbaglio...insomma l'ageggio dal nome insolito per fare la piada...bAci baci a te e la tua Romagna ballerina, Lena.
PS: come va il quasi dopo-feste con le leccornie e i probabili cm in più?

sauvage27 ha detto...

Ciao Gy...Buon Anno... , ...sono tutto il giorno che cerco di inserire il mio banner personale...ma non ci riesco...non so come fare....dovrò richiedere rinforzi... , ...mandi mandi ...Loris :-*

Ondamagis ha detto...

Si Gise, me lo ricordavo, solo che non mi veniva. Torno il 5. Non vedo l'ora, qui è sempre un continuo esser disturbati. Accetto il paiolo e la piadina, ma me la devi fare tu! MA non farmi un paiolo così se non la mangio: dopo tutto quello che abbiamo mangiato in questi gg, è meglio stare un po' leggeri. Bacioni

francamente ha detto...

grazie delle informazioni e buon anno anche a te

Cris ha detto...

ciao raggio di sole.non sapevo di questa tradizione.altrimenti venivo a fare qualche assaggio.sara per la prossima.ciao.

giadatea ha detto...

buono il formaggio di fossa
bacioni!!!!!!!!!!!!!!!

Laura ha detto...

Oggi qui nevicaaaaa! E' stupendo! Ciao e serena notte (lo so, sono fuori di testa ma io adoro la neve).

Franky ha detto...

Ciao complimenti per il blog, se ti và di scambire i link questo è il mio Spartaco Libero http://spartacuslibero.blogspot.com/ .Ciao fammi sapere.

sauvage27 ha detto...

Ciao Gy...vai nel tuo box Cioa.it... clicchi sopra la tua foto il tuo nick... e si apre la stessa pagina ma nella barra degli indirizzi c'è il link che porta anche il tuo numero di registrazione...e quindi copi e lo trascrivi nel blog...Personalizza...e nella pagina dove si aggiungono elementi... clicca Aggiungi un elemento pagina...e lo copi su Elenco di link..., ....penso credo che funzioni così...sai...la mia memoria fa acqua... ciao Gigliola...mandi mandi ...Loris....

Maria Rita ha detto...

...mmm.... gnam gnam! Questo post mi ha fatto venire una gran fame...
Grazie di essere passata nel mio blog, sei la benvenuta!
Un bacio e buon anno!

Lele ha detto...

Ciao....!Io abito non molto lontano da te e non sapevo come si faceva il formaggio di fossa........!
Adesso lo so.....!
Alla prossima.....!

P.s. fai venire appetito........!:)))

Lele ha detto...

Scusa dimenticavo di darti il buon anno....!
Buon anno anche a te........!

Ondamagis ha detto...

Ciao Gisellina, sono in arrivo, tu aspettami.

cristina ha detto...

Buono il formaggio di Fossa!! LO conosco perchè mio marito è marchigiano! Buon anno

Simona ha detto...

Io adoro scoprire queste cose. Viva le tradizioni e il cibo italiano!
Buon anno anche a te!

Daniele Verzetti, Rockpoeta ha detto...

E' un blog particolarmente originale parli di luoghi da visitare e tradizioni da assaporare.

Nel ringraziarti per essere passata da me mi permetto di linkare il tuo blog sperando che la cosa non ti dispiaccia

Ciao
Daniele

hur41 ha detto...

Ottimo blog con delle informazioni utili...Ciao e grazie per avermelo indicatohur41

Anonimo ha detto...

good start

INFORMAZIONI PERSONALI

Questo blog non può essere considerato una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita. Pertanto, ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001, non può essere considerato un prodotto editoriale. Inoltre è vietato l'utilizzo di testi, o anche parti di testo, presenti su questo blog. Se li trovate su siti di opinione online, è solo perchè sono io stesso l'autore e posso decidere di pubblicarli su altri siti.

BLOG SEGNALATO DA

blogarama - the blog directory

SEI UNICO !

Biagio Antonacci
Il sito italiano più completo e visitato dedicato a Biagio Antonacci. Biagio Antonacci Mania pubblica notizie aggiornate, foto, guestbook, giochi e tanto altro ancora.

LA MIA COPPA

PACE

Per la pace nel mondo